Emorroidi. O contro il perbenismo della lingua

Questo è un post contro il perbenismo della lingua e chi mi dice che schifo, MG!
Ok, ma come scrivo emorroidi senza dirlo? Vediamo cosa si dice in rete.
Cito da Wikipedia: “Le emorroidi (dal greco haîma, “sangue” e rhéó, “scorrere”) sono strutture vascolari del canale anale che giocano un importante ruolo nel mantenimento della continenza fecale. Diventano patologiche quando sono gonfie o infiammate, causando una sindrome nota come malattia emorroidaria, alla quale spesso ci si riferisce, nel linguaggio comune e anche nella divulgazione, sempre con il medesimo termine di emorroidi.”

Arrivati a questo punto sarei curiosa di sapere quanti di voi continuano a leggere e quanti, invece, hanno abbandonato già al primo rigo, come fanno i miei colleghi che si occupano di altri progetti e che mi dicono ma che schifo, MG! quando condivido con loro un editoriale sulla diarrea o un video di anoscopia.

Sinonimi in salute

Sinonimi in salute, davvero c’è una sola strada? – Gratisography

E sì, perché tra le difficoltà di scrivere di salute c’è anche quella di usare parole ritenute tanto volgari da schifare il lettore, e fa niente se il più delle volte alcuni termini provocano repulsione proprio perché il disturbo che identificano è così comune da essere riconosciuto e riconoscibile da tutti o quasi.

Dopo il post sui sinonimi di paziente ho ancora voglia di indagare la questione delle alternative alle solite parole della salute. A dirla tutta, questa è un’esigenza propria del web writer e di chiunque lavori con le parole così, per migliorare il mio vocabolario e la mia scrittura, lo scorso Natale ho chiesto in dono il Dizionario analogico della lingua italiana edito da Zanichelli.
Ricordo di aver strabuzzato gli occhi davanti a ben tre pagine fitte fitte dedicate a tutti i significati, le declinazioni semantiche, le caratteristiche, le azioni, i mestieri, le persone, le curiosità e i modi di dire che gravitano attorno la parola casa. Il Dizionario analogico è la mia arma segreta quando non so che dire per non dire sempre la stessa parola.

Immaginate dunque la mia sorpresa quando, in corrispondenza del termine emorroide ho trovato il suggerimento a consultare le voci apparato digerente e intestino. Ripensandoci, non poteva essere altrimenti: i tre elementi appartengono tutti allo stesso campo semantico.
E così, ancora una volta ho cercato un sinonimo laddove un sinonimo perfetto non c’è, a meno che non scelga di scrivere “varici del plesso venoso emorroidario” come riporta Treccani, e capite bene quanto una soluzione del genere sia borderline con il medicalese.

Allora cosa si fa? Non ho risposte a questa domanda, ma una cosa voglio dirla agli schifiltosi che fanno Bleah! Ma che scrivi?! Non è che scrivo sempre e solo di emorroidi e diarrea, ma quando lo faccio devo chiamare le cose come si chiamano, senza la necessità di ingentilirne il nome con una versione soft. Che poi, detto tra noi, a cosa servirebbe dato che Google testimonia che gli italiani cercano rimedi emorroidi, cura emorroidi, sintomi emorroidi? Secondo me lo fai anche tu che storci il naso, qui puoi dirlo.

Commenta su Google+

Lascia un commento