La scrittura dei medici nuoce alla salute

Voglio dedicare il primo post di questo blog a una riflessione sul difficile rapporto tra la medicina e la scrittura. Se c’è una cosa che accomuna tutti i medici è la scrittura: tortuosa, geroglifica, stilizzata. In una parola, illeggibile.

La scrittura dei medici, o più correttamente la loro grafia, è uno dei fattori che in alcuni casi concorre a incrementare la malasanità: seguire una terapia sbagliata, per esempio, può essere la conseguenza diretta di un’errata somministrazione di farmaci che, spesso, deriva dalla difficoltà a leggere con chiarezza le indicazioni terapeutiche.

Prima ancora di entrare in ospedale, basta uscire da uno studio medico per restare disorientati di fronte a una prescrizione in cui sembra esserci scritto di tutto tranne ciò che il dottore ci ha riferito a fine visita. Per fortuna, a detta di qualcuno, i medici giovani hanno imparato a scrivere bene e hanno una grafia chiara e leggibile. Beh, meglio così.

Veniamo al punto: cosa c’entra la grafia dei medici con la scrittura per il web? Parecchio, almeno per alcuni aspetti.
Pensate solo alla diffusione delle app che permettono di prenotare le visite online seguendo un percorso lineare e comprensibile e, ancor di più, pensate al sollievo del paziente che riceve una prescrizione compilata dal proprio medico al computer invece che a mano. Quel sollievo lo provo io stessa ogni volta che ho bisogno di farmi prescrivere medicinali o visite di routine dai medici dell’ambulatorio.

È un sollievo che deriva dalla chiarezza, sinonimo della comprensione rassicurante di un messaggio inequivocabile. Ebbene, chi scrive di salute sul web deve perseguire questo stesso obiettivo: comunicare con chiarezza. Grazie al web – e alla tastiera che rende bella ogni grafia – anche i medici oggi comunicano con caratteri ben leggibili.
Accantonato lo spettro della pessima grafia dei medici, bisogna affrontarne un altro: il medicalese, la scrittura specialistica con cui si esprimono i dottori sul web e a cui dedicherò la prossima riflessione.

E a te, è mai successo di essere in difficoltà con una prescrizione medica?

La chiarezza consente la comprensione inequivocabile di un messaggio. Grazie alla tastiera, anche i medici hanno una bella grafia.

Commenta su Google+

Lascia un commento